George Kollias. Parte 1

Oggi ti vogliamo parlare di un grande batterista che ha fatto della sua passione un mestiere e un’arte. Il suo stile molto personale e, secondo alcuni, estremo lo ha reso noto sia come abilissimo performer che come autore di testi e DVD didattici. In questo articolo George Kollias. Parte 1 ti racconteremo passo passo la sua storia dagli esordi ad oggi, invitandoti a seguirci per un’esclusiva intervista che pubblicheremo nelle prossime settimane.

George Kollias
Photo Credit: georgekollias.com

Gli esordi

Se anche tu sei un batterista, forse ti farà piacere sapere che i primi approcci di Kollias allo strumento sono statI probabilmente molto simili a quelli di tutti noi. George infatti inizia a suonare all’età di 12 anni da autodidatta, e qualche anno dopo decide di prendere lezioni da Vasilis Baxevanakis e Yannis Stavropoulos.

La sua carriera da professionista inizia intorno al 2000, quando Kollias si trasferisce ad Atene ed entra a far parte dei Nightfall, fonda la sua band di metal estremo Sickening Horror, e suona come turnista per diverse band locali.

I Nile

Nel 2004 George si trasferisce negli Stati Uniti e si unisce alla formazione dei Nile, con i quali registra il loro quarto album, Annihilation of the Wicked e partecipa al suo primo tour mondiale suonando sui palchi di noti festival Metal, come il Wacken Open Air. Questo è stato solo l’inizio di una fruttuosa e lunga collaborazione con la band statunitense, alla quale Kollias appartiene tutt’ora. Ti sveliamo a questo proposito una piccola curiosità! Kollias ha recentemente confessato di aver suonato proprio con i Nile il brano più complesso della sua carriera musicale.

Lo stile e la tecnica

Come ti abbiamo accennato all’inizio di questo articolo, lo stile di Kollias è da molti definito estremo per l’uso intenso del doppio pedale e del blast beat, in cui mani e piedi suonano all’unisono. Una delle sue peculiarità consiste nella capacità di integrare ritmi jazz e funky con il metal estremo, creando uno stile del tutto originale e personale.

Uno dei suoi tratti distintivi è la velocità molto elevata con la doppia cassa, abbinata a potenza e precisione, che non mancano mai. Per raggiungere questo risultato Kollias si affida ad una tecnica chiamata Swivel, che consiste nel muovere le caviglie a destra e sinistra per sfruttare il peso della gamba ottimizzando il consumo di energia. Proprio questo tema è affrontato in uno dei suoi DVD didattici, Intense Metal Drumming.

La didattica

La sua passione per la batteria e la sperimentazione tecnica hanno presto tracciato il percorso di George come docente, ed è così entrato a far parte del LAB Music Education in Grecia e della Modern Music School in Germania e Stati Uniti. Le sue Clinic e Masterclass sono frequentatissime in tutto il mondo e il successo del suo primo DVD didattico ha inevitabilmente portato alla pubblicazione di un secondo lavoro Intense Metal Drumming II. L’ultima uscita di George risale al 2014, anno di pubblicazione del primo libro di una trilogia intitolata The Odyssey Of Double Bass Drumming.

Ma ora veniamo al dunque! Ti sarai forse chiesto, leggendo l’articolo fino a qui, come mai abbiamo scelto di presentarti questo grande artista e la sua storia, nel caso ancora non la conoscessi. Ebbene, il motivo è presto detto! Domenica 24 marzo a S. Giovanni Lupatoto (VR) si terrà un’esclusiva Masterclass organizzata da MMI Verona, Crazy For Sound e Dreamndrum.

Noi di Dreamndrum abbiamo già pronte un sacco di domande da fare a George Kollias e non vediamo l’ora di condividere con te le sue risposte, come anche un dettagliato racconto del pomeriggio trascorso insieme, nel nostro prossimo articolo del blog. Certo, se sei molto curioso e non hai voglia di aspettare così tanto non ti resta che contattare al più presto noi di Dreamndrum per riservare uno dei pochi posti disponibili rimasti.

Non ti abbiamo incuriosito abbastanza? Allora proviamo così…

Se questo articolo ti è piaciuto ti invito a condividerlo e ad iscriverti alla Newsletter per rimanere sempre aggiornato sui nuovi post e sulle attività di Dreamndrum. Se invece sei più un tipo da social, mi trovi su Facebook, Instagram e Twitter.

Lascia un commento

Chiudi il menu
×

Carrello